lunedì, febbraio 20, 2006

Si diffonde lo sdegno per le nuove immagini

di Dahr Jamail e Arkan Hamed, Inter Press Service, 16 febbraio 2006.

Originale inglese: http://www.dahrjamailiraq.com/

Tradotto dall'inglese in italiano da Mirumir, membro di Tlaxcala, la rete di traduttori per la diversità linguistica (tlaxcala@tlaxcala.es). Questa traduzione è in Copyleft.

BASSORA, 16 febbraio (IPS) ­ La messa in onda del video in cui i soldati britannici picchiano alcuni ragazzi iracheni ad Amarah nel 2003 e l'uscita di altre fotografie che documentano le atrocità commesse dai soldati statunitensi sui detenuti iracheni nella prigione di Abu Ghraib hanno provocato indignazione in tutto l'Iraq.

La diffusione di queste immagini è avvenuta in un momento critico, nella scia delle violenze esplose in Iraq e in gran parte del mondo musulmano a seguito alle vignette del Profeta Maometto pubblicate da un quotidiano danese e poi da altre testate europee.

"Noi di Bassora abbiamo deciso di non collaborare più in alcun modo con le truppe britanniche," ha detto all'IPS il commerciante di generi alimentari Ali Shehab Najim, 43 anni. "Gli occupanti di Bassora sono invasori e non venderemo loro niente di quello che ci chiedono." Najim ha aggiunto, "Nessuno di noi lavorerà più con loro. Mio cugino era solito lavorare nella loro base, ma ora non lo farà più. Si rifiuta di andare al lavoro, abbiamo deciso di mostrare loro il nostro disprezzo in ogni modo possibile."
Najim ha detto che la popolazione è particolarmente infuriata nei confronti del contingente militare danese in Iraq.
Ha spiegato che all'inizio aveva accettato la presenza delle forze di occupazione, ma adesso "penso che sia ora di dire loro che non li rispettiamo, visto che si comportano così male."
Quando è stato diffuso il video che mostra le truppe britanniche mentre picchiano ragazzi iracheni con pugni e manganelli, il Governatorato di Bassora ha annunciato la sospensione dei rapporti con i militari britannici. Ciò ha comportato anche la cancellazione dell'attività di pattuglia congiunta.

"Condanniamo tutte le azioni delle truppe britanniche e americane nel torturare i nostri giovani," ha detto all'IPS l'ex-consigliere del Governatorato di Bassora Qasim Atta Al-Joubori.
"Gli iracheni hanno sofferto molto negli ultimi 35 anni, ma ora vengono torturati da stranieri che hanno invaso il nostro paese," ha detto Al-Joubori, che è stato consigliere di Bassora per 40 anni. "Non possiamo più accettare la loro presenza."

Lungi dal collaborare, gli abitanti della città sono ora pronti a combattere le forze d'occupazione, ha detto. "Queste percosse e queste torture mostrano che gli occupanti aggrediscono e insultano tutti gli iracheni."

Questo sentimento è condiviso nei dintorni di Bassora, una zona a sud relativamente più tranquilla che si trova sotto il controllo delle truppe britanniche.
"Non vediamo l'ora che quei bastardi se ne vadano dal nostro paese," ha detto all'IPS Abdullah Ibrahim, 55 anni, proprietario di una fabbrica. "Si sono messi a torturare i cittadini di Bassora, Baghdad e Amarah, perdendo così l'appoggio non solo dei sunniti iracheni, ma anche degli sciiti di questo paese."
Ha detto che la maggior parte degli iracheni conosce qualcuno che è stato rinchiuso in un centro di detenzione militare, ma ha aggiunto che il filmato e le fotografie delle torture hanno "demolito la credibilità residua che gli occupanti potevano ancora avere."

La rete televisiva australiana Special Broadcasting Service (SBS) ha mandato in onda mercoledì filmati e fotografie inediti che mostrano gli abusi commessi sui prigionieri iracheni da soldati statunitensi all'interno del famigerato carcere di Abu Ghraib nel 2003.
Le immagini sono simili a quelle che nel 2004 fecero infuriare il Medio Oriente. Molte di queste immagini, tuttavia, mostrano una brutalità e un livello tale di umiliazione sessuale che molti organi di informazione hanno trovato troppo sconvolgente riprenderle.

L'American Civil Liberties Union, l'Associazione statunitense per le Libertà Civili, aveva ottenuto le immagini dal governo degli Stati Uniti in base alla legge sulla libertà di informazione, ma i suoi membri hanno affermato di non sapere come la SBS fosse giunta a mandare in onda i nuovi filmati e le fotografie.
Potrebbero esserci altre immagini in arrivo. "Credo che importanti giornali statunitensi come il Washington Post abbiamo molte altre fotografie che provano le torture inflitte ad Abu Ghraib, ma non le pubblicheranno a causa delle pressioni del governo degli Stati Uniti," ha detto all'IPS un legale del Centro per i diritti costituzionali di New York.

A Washington il portavoce del Pentagono Bryan Whitman ha dichiarato alla stampa: "Sugli abusi di Abu Ghraib si è indagato in modo esauriente." Ha aggiunto: "Quando ci sono stati abusi questo dipartimento è intervenuto con tempestività, li ha esaminati approfonditamente, e, quando è stato il caso, ha perseguito i responsabili."
Ha detto inoltre che secondo il Pentagono la diffusione delle nuove immagini può innescare ulteriori violenze e mettere in pericolo le forze statunitensi in Iraq.


(c) 2004, 2005 Dahr Jamail

http://www.dahrjamailiraq.com/

Nessun commento: