mercoledì, aprile 23, 2008

Il Tibet, il grande gioco e la CIA

Il Tibet, il “grande gioco” e la CIA

di Richard M. Bennett

Dato il contesto storico dei disordini in Tibet, c'è ragione di credere che Pechino sia stata presa in contropiede dalle recenti proteste per il semplice fatto che sono state organizzate fuori del Tibet e che i manifestanti sono guidati da agitatori anti-cinesi che si trovano al sicuro in Nepal e nel nord dell'India.

Il finanziamento e il controllo della sommossa sono stati inoltre attribuiti al leader spirituale tibetano, il Dalai Lama, e di conseguenza, - data la stretta collaborazione con i servizi segreti americani per più di 50 anni – alla CIA.

Con il pesante coinvolgimento della CIA nel movimento Free Tibet e nel finanziamento della fin troppo informata Radio Free Asia, parrebbe improbabile che una qualsiasi rivolta possa svolgersi all'insaputa o senza il consenso del quartier generale del National Clandestine Service (precedentemente noto come Directorate of Operations) della CIA a Langley.

Il 21 marzo l'autorevole editorialista ed ex-ufficiale dei servizi segreti indiani B. Raman ha commentato che “in base alle informazioni disponibili, è stato possibile stabilire con un grado ragionevole di sicurezza” che la rivolta del 14 marzo a Lhasa “era stata pianificata e ben orchestrata”.

Può avere un fondo di verità l'ipotesi che i beneficiari della morte e della distruzione che stanno travolgendo il Tibet si trovino a Washington? La storia suggerisce che è concretamente possibile.

La CIA condusse una campagna su vasta scala contro i comunisti cinesi in Tibet a partire dal 1956. Questo portò nel 1959 a una rivolta sanguinosa e disastrosa in cui persero la vita decine di migliaia di tibetani, mentre il Dalai Lama e circa 100.000 seguaci furono costretti a fuggire attraverso i passi Himalayani in India e in Nepal.

La CIA creò a Camp Hale, nei pressi di Leadville, Colorado, USA, un campo di addestramento militare segreto per i guerriglieri del Dalai Lama. I guerriglieri tibetani furono addestrati ed equipaggiati dalla CIA per combattere e compiere operazioni di sabotaggio contro i comunisti cinesi.

I guerriglieri addestrati negli Stati Uniti condussero regolarmente incursioni in Tibet, guidati a volte da mercenari della CIA e con il supporto degli aerei della CIA. Il programma di addestramento iniziale si concluse nel dicembre del 1961, anche se sembra che il campo del Colorado sia rimasto aperto fino al 1966.

La Task Force tibetana della CIA creata da Roger E. McCarthy, insieme all'esercito tibetano, proseguì l'operazione (nome in codice ST CIRCUS) di disturbo delle truppe cinesi per altri 15 anni fino al 1974, quando il coinvolgimento sancito ufficialmente cessò.

McCarthy, che fu anche capo della Task Force tibetana all'apice della sua attività dal 1959 al 1961, passò poi a condurre operazioni simili in Vietnam e nel Laos.

Verso la metà degli anni Sessanta la CIA cambiò strategia: dopo aver paracadutato per anni guerriglieri e spie sul Tibet passò alla costituzione del Chusi Gangdruk, un esercito di circa 2000 guerriglieri di etnia khamba, in basi come Mustang nel Nepal.

Questa base fu chiusa solo nel 1974 dal governo nepalese dopo forti pressioni di Pechino.

Dopo la Guerra d'Indocina del 1962, la CIA sviluppò stretti legami con i servizi segreti indiani, sia per l'addestramento che per la fornitura di agenti in Tibet.

Kenneth Conboy e James Morrison, nel loro libro The CIA's Secret War in Tibet (La guerra segreta della CIA nel Tibet), rivelano che la CIA e i servizi segreti indiani collaborarono nell'addestramento ed equipaggiamento di truppe speciali e agenti tibetani e nella costituzione di unità aeronautiche e di intelligence congiunte come l'Aviation Research Center e lo Special Center.

Questa collaborazione continuò negli anni Settanta e alcuni dei suoi programmi, soprattutto l'unità forze speciali dei profughi tibetani che ha poi avuto un ruolo importante nella Special Frontier Force indiana, sono ancora oggi attivi.

Solo il deterioramento delle relazioni con l'India, che coincise con un miglioramento dei rapporti con Pechino, segnò la fine della maggior parte delle operazioni congiunte di CIA e India.

Anche se Washington dal 1968 ha ridotto il supporto ai guerriglieri tibetani, si ritiene che la fine dell'appoggio ufficiale degli Stati Uniti alla resistenza sia giunta solo durante gli incontri tra il presidente Nixon e la dirigenza comunista cinese a Pechino nel febbraio del 1972.

Victor Marchetti, ex-ufficiale della CIA, ha descritto la rabbia di molti agenti sul campo quando Washington staccò la spina, e aggiunge che molti di loro “cercarono conforto nelle preghiere tibetane apprese durante gli anni trascorsi con il Dalai Lama”.

L'ex-capo della Task Force tibetana della CIA dal 1958 al 1965, John Kenneth Knaus, avrebbe detto: “Questa non era una operazione politica black-bag della CIA”, aggiungendo che “L'iniziativa veniva... dal governo degli Stati Uniti”.

Nel suo libro Orphans of the Cold War (Orfani della Guerra Fredda), Knaus parla dell'impegno degli americani per la causa dell'indipendenza tibetana dalla Cina. Cosa interessante, aggiunge che la sua realizzazione “convaliderebbe i più onorevoli motivi di chi ha cercato di aiutarli a raggiungere questo obiettivo più di 40 anni fa. Allevierebbe anche il senso di colpa di alcuni di noi per aver partecipato a questi tentativi che ad altri sono costati la vita, ma che sono stati la nostra più grande impresa”.

Nonostante l'assenza di un sostegno ufficiale circola ancora diffusamente la voce che la CIA fosse coinvolta, anche se non direttamente, in un'altra rivolta fallita nell'ottobre del 1987, i disordini che successivi e la conseguente repressione cinese che durò fino al maggio del 1993.

Ora la CIA può pensare che sia il momento giusto per tentare nuovamente di destabilizzare la presenza cinese nel Tibet, e Langley manterrà di certo aperte tutte le opzioni.

La Cina deve affrontare gravi problemi: i musulmani uiguri nello Xinjiang, le attività del Falun Gong, tra molti altri gruppi dissidenti, e naturalmente le crescenti preoccupazioni per la sicurezza dei Giochi Olimpici ad agosto.

La Cina è vista da Washington come una grande minaccia sia economica che militare non solo in Asia ma anche in Africa e nell'America Latina.

Dal punto di vista della CIA la Cina è stata scarsamente collaborativa nella “guerra al terrore”, offrendo poco o nessun aiuto e non facendo niente per fermare il flusso di armi e uomini giunti dalle aree musulmane della Cina in appoggio ai movimenti estremisti islamici in Afghanistan e negli stati dell'Asia Centrale.
Per molti a Washington questa sarebbe l'occasione ideale per destabilizzare il governo di Pechino, dato che il Tibet è ancora il potenziale punto debole della Cina.

La CIA starà ben attenta a non lasciare indizi che puntino alla sua responsabilità nella rivolta che sta montando. Verranno usati intermediari tra gli esuli tibetani in Nepal e nelle aree di confine dell'India settentrionale.

La CIA in effetti può aspettarsi un livello significativo di supporto da parte di molte organizzazioni per la sicurezza sia in India che in Nepal e non avrà problemi a offrire al movimento di resistenza consigli, denaro e soprattutto pubblicità.

Tuttavia, finché i disordini non mostreranno una tendenza inconfondibile a trasformarsi in una rivolta di massa dei tibetani contro i cinesi Han e Hui, non si permetterà che entrino in scena le armi.

Negli ultimi 30 anni nel Tibet sarebbero entrate illegalmente grandi quantità di esplosivi e di armi di piccolo calibro dell'ex-blocco sovietico, ma è probabile che resteranno nascoste in attesa dell'occasione giusta.

Le armi provengono dai mercati mondiali o da depositi sequestrati dalle forze statunitensi o israeliane e sono state alterate perché nessuno possa risalire alla CIA.

Armi di questo tipo hanno anche il vantaggio di essere intercambiabili con quelle usate dalle forze armate cinesi e naturalmente hanno le stesse munizioni, facilitando i problemi di rifornimento durante gli eventuali futuri conflitti.

Anche se l'appoggio ufficiale degli Stati Uniti alla resistenza tibetana è terminato 30 anni fa, la CIA ha tenuto aperte le linee di comunicazione e finanzia ancora buona parte del movimento Tibetan Freedom.

Dunque la CIA sta di nuovo giocando il “grande gioco” nel Tibet?

Di certo è in grado di farlo, conservando una significativa presenza paramilitare e di intelligence nella regione. L'Afghanistan, l'Iraq, il Pakistan e vari stati centro-asiatici ospitano grandi basi.

Non va poi dubitato che abbia interesse a indebolire la Cina almeno quanto l'obiettivo più ovvio costituito dall'Iran.

Dunque la probabile risposta è sì, e sarebbe in effetti sorprendente se la CIA non avesse un interesse meramente passeggero per il Tibet. Dopotutto è pagata per questo.

Dall'11 settembre del 2001 c'è stato cambiamento di atteggiamenti, requisiti e capacità nei servizi segreti statunitensi. I vecchi piani operativi sono stati rispolverati e aggiornati, vecchi agenti riattivati. Il Tibet e quella che viene percepita come la debolezza della posizione della Cina nel paese probabilmente saranno completamente rivalutati.

Per Washington e la CIA questa può essere un'ottima occasione per creare un significativo mezzo di pressione contro Pechino con pochi rischi per gli interessi americani: praticamente una situazione con risvolti esclusivamente positivi.

Il governo cinese sarebbe oggetto del biasimo mondiale per la repressione e la violazione dei diritti umani, e sarebbero i giovani tibetani e non i ragazzi americani a venire uccisi sulle strade di Lhasa.
La conseguenza di un'aperta rivolta contro Pechino, tuttavia, sarà che la paura di arresti, torture e perfino esecuzioni si riverserà in ogni angolo del Tibet e nelle province vicine popolate da un gran numero di tibetani come il Gansu, il Qinghai e il Sichuan.

E il movimento per la libertà in Tibet ha ancora scarse possibilità di ottenere miglioramenti significativi nella politica centrale cinese a lungo termine, e nessuna possibilità di eliminare il controllo cinese su Lhasa.

Sembra che ancora una volta il popolo tibetano resterà intrappolato tra l'oppressione di Pechino e la manipolazione di Washington.

Pechino manda i pezzi grossi
Il timore che gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e altri stati occidentali possano cercare di dipingere il Tibet come un altro Kosovo può spiegare parzialmente perché le autorità cinesi abbiano reagito come se si fossero trovate di fronte a una vera insurrezione di massa invece che alla versione ufficiale di una breve ondata di disordini scatenata dai sostenitori del Dalai Lama.

Pechino ha preso la cosa così seriamente che a Lhasa è stata dislocata una speciale unità di coordinamento per la sicurezza, il Centro di Comando 110, con l'obiettivo primario di soffocare i disordini e ristabilire completamente il controllo del governo centrale.

Il Centro sembra essere sotto il diretto controllo di Zhang Qingli, primo segretario del Partito del Tibet leale al presidente Hu Jintao. Zhang è anche l'ex-vice segretario di partito dello Xinjiang e ha una notevole esperienza nelle operazioni anti-terrorismo in quella regione.

Altre cariche importanti a Lhasa sono state assunte da Zhang Xinfeng, vice ministro del Ministero Centrale della Pubblica Sicurezza, e Zhen Yi, vice comandante del quartier generale della Polizia del Popolo a Pechino.

La serietà con cui Pechino sta trattando gli attuali disordini è ulteriormente dimostrata dallo spiegamento di un gran numero di importanti divisioni della Regione Militare di Chengdu, comprese brigate della 149ª Divisione di Fanteria Meccanizzata, che agisce come forza di reazione rapida.

Secondo una notizia dell'agenzia di stampa United Press International, a Lhasa sono intervenuti corpi speciali dell'Esercito di Liberazione del Popolo e sono stati impiegati il carro da combattimento T-90 e i carri armati T-92. Secondo questa notizia, la Cina ha negato la partecipazione dell'esercito alla repressione, dicendo che è stata messa in atto da unità della polizia armata. “L'equipaggiamento citato, tuttavia, non è mai stato impiegato dalla polizia armata cinese”.

Il supporto aereo è fornito dal 2° Reggimento dell'Aviazione dell'Esercito con base a Fenghuangshan, Chengdu, nella provincia del Sichuan: i suoi elicotteri e STOL operano da una postazione nei pressi di Lhasa. Aerei da combattimento potrebbero essere messi rapidamente a disposizione da squadriglie dislocate nella regione di Chengdu.
Il Distretto Militare dello Xizang forma il distaccamento del Tibet, costituito da due unità di fanteria di montagna, la 52ª Brigata con base a Linzhi e la 53ª a Yaoxian Shannxi, supportate dall'8ª Divisione di Fanteria Motorizzata e da una brigata di artiglieria a Shawan, Xinjiang.

Il Tibet non è più così lontano da creare problemi di rifornimento e avvicendamento all'esercito cinese. La costruzione della prima ferrovia tra il 2001 e il 2007 ha facilitato in misura significativa i consistenti movimenti di truppe ed equipaggiamento dal Qinghai all'aspro altopiano tibetano.

Altre precauzioni contro una recrudescenza delle rivolte tibetane hanno portato a un considerevole grado di autosufficienza nella logistica e nella riparazione dei veicoli del distaccamento militare tibetano. È stato realizzato un numero sempre maggiore di piccoli campi di volo per consentire alle forze di reazione rapida di raggiungere in tempi brevi anche le aree più inaccessibili.

Il Ministero per la Sicurezza cinese e i servizi segreti hanno imparato a essere presenti in modo soffocante nella provincia, a rilevare ogni serio movimento di protesta e a reprimere la resistenza.
Richard M. Bennett è consulente nel settore dell'intelligence e della sicurezza,
AFI Research.

(Copyright 2008 Richard M. Bennett.)

Originale da: http://atimes.com/atimes/China/JC26Ad02.html

Articolo originale pubblicato il 26 marzo 2008

Nessun commento: