martedì, maggio 20, 2008

Il gasdotto iraniano: miti e realtà

Il gasdotto iraniano: miti e realtà

G. Parthasarathy

L'India non ha motivo di esitare a perseguire il progetto del gasdotto Iran-Pakistan-India solo perché preoccupata per le possibili sanzioni americane. Se Washington esprime contrarietà, gli si può dire che per le nostre necessità energetiche non abbiamo altra scelta che cercare l'accesso al gas naturale, dice G. Parthasarathy.

La discussione sul gasdotto Iran-Pakistan-India (IPI), più che far luce sulla questione, ha scaldato gli animi. Si è creato un grande divario tra retorica e realtà e il pubblico dibattito è stato scarso e poco informato. È indiscutibile che l'economia indiana, in fase di esplosione ma fortemente affamata di energia, ha bisogno di attingere a ogni possibile fonte di energia economicamente accessibile, la cui sicurezza e continuità sia garantita in modo appropriato. Si stima che nel 2020 la domanda di gas naturale dell'India sarà triplicata e raggiungerà i 270 milioni di metri cubi al giorno, con 200 milioni di metri cubi provenienti dalle fonti esistenti attualmente (domestiche e straniere). L'India adesso ha solo un contratto significativo con il Qatar per l'importazione di LNG, gas naturale liquefatto, che attualmente prevede cinque milioni di tonnellate all'anno, con altri due milioni all'anno disponibili dal 2009. La carenza di gas naturale ha fatto sì che negli ultimi anni centrali elettriche e impianti di fertilizzazione siano rimasti sottoutilizzati.

L'accordo con l'Iran
Nel giugno del 2005 l'India ha firmato un contratto da 22 miliardi di dollari con l'Iran per la fornitura di cinque milioni di tonnellate di LNG all'anno; l'Iran si impegnava a prendere in considerazione la fornitura di ulteriori 2,5 milioni di tonnellate annuali. L'Iran ha ripudiato uniltateralmente questo accordo e ha chiesto prezzi più alti, mettendo in discussione la propria credibilità di fornitore di energia affidabile.

Adesso si parla di rinegoziare questo accordo. Ma l'India non si lasci ingannare: nonostante la retorica sentimentale sui “legami di civiltà” con l'Iran, gli iraniani sono dei negoziatori duri, scarsamente portati per il sentimentalismo, malgrado le nostre autorità dicano che l'India ospita un'estesa popolazione sciita.

Nello scenario globale attuale, tre paesi – Russia, Iran e Qatar – concentrano il 58% delle riserve di gas mondiali. Il Giappone importa l'LNG principalmente dall'Australia e dai paesi vicini. Con il gas naturale che corrisponde al 20% dei loro bisogni energetici, la crescente domanda degli Stati Uniti viene soddisfatta principalmente dal Canada e in misura inferiore dai paesi del Medio Oriente. Nell'Unione Europea, solo la Norvegia ha un surplus di gas naturale esportabile, un surplus che è comunque relativamente limitato. Gli analisti strategici russi vorrebbero usare le loro risorse energetiche per rendere l'Europa ampiamente dipendente dalla Russia, per contrastare la penetrazione della NATO nello spazio strategico russo di ex-repubbliche sovietiche come l'Ucraina e la Georgia. La Russia, dunque, è favorevole al fatto che l'Iran cerchi i propri mercati a est, in paesi come Cina e India. La cinese Sinopec, compagnia di proprietà dello stato, nel 2004 ha firmato un accordo da 60 milioni di dollari per acquistare dall'Iran 250 milioni di tonnellate di LNG in 30 anni e per sviluppare il gigantesco giacimento di Yadavaran gas. L'Iran si è anche impegnato a esportare 150.000 barili di petrolio al giorno verso la Cina per 25 anni. Dato l'interesse strategico russo per il dominio dei mercati energetici dell'Unione Europea, la Russia vede sostanzialmente di buon occhio il fatto che il gas iraniano venga venduto a economie asiatiche invece che ai mercati europei.

Le pressioni degli Stati Uniti
L'India ha ragione di preoccuparsi per le pressioni degli Stati Uniti in merito al gasdotto IPI? Nell'agosto del 1996 il Congresso degli Stati Uniti ha approvato all'unanimità l'ILSA, l'”“Iran, Libya Sanctions Act” (ILSA), che sanciva l'imposizione di sanzioni su compagnie, indipendentemente dalla loro nazionalità, che investissero più di 20 milioni di dollari all'anno nel settore del gas e del petrolio iraniano. Nonostante questa legislazione, l'Iran ha attirato più di 30 miliardi di dollari in investimenti stranieri nel suo settore energetico da quando sono state imposte queste sanzioni. L'Unione Europea si è opposta alle sanzioni dell'ILSA e il 22 novembre 1996 ha passato una Risoluzione che istruisce le sue compagnie a non conformarsi alle sanzioni.

Varie compagnie europee, compresa la francese TOTAL e l'italiana ENI, hanno ignorato le sanzioni. Lo stesso hanno fatto la malese Petronas e il colosso russo GAZPROM.

In queste circostanze l'India non ha motivo di esitare a procedere con il gasdotto IPI sulla base della preoccupazione per eventuali sanzioni americane. Se Washington esprime contrarietà, le si potrà spiegare educatamente che, dato il nostro bisogno di fonti di energia ecocompatibili, non possiamo far altro che cercare attingere al gas naturale per soddisfare le nostre necessità energetiche.

Convenienza economica
Secondo stime russe, il gasdotto IPI, lungo 2700 km, avrà una capacità di 54 miliardi di metri cubi di gas all'anno, con 32 miliardi di metri cubi forniti all'India e 22 miliardi di metri cubi forniti al Pakistan. Si valuta che costo del progetto sia di 7,6 miliardi di dollari. La Cina non ha ancora espresso interesse a espandere il gasdotto alla sua provincia dello Xingjian. Nonostante il parere pakistano, la convenienza economica di far passare il gasdotto per l'Himalaya è discutibile. Il presidente Ahmedinejad trasuda ottimismo sulla possibilità che la conclusione delle trattative per il gasdotto IPI siano questione di mesi. Il ministro degli esteri indiano, Shivshankar Menon, ha tuttavia osservato che bisogna ancora lavorare molto per far sì che il progetto sia commercialmente fattibile e finanziariamente accettabile e che le preoccupazioni energetiche indiane ricevano una valida risposta.

Nel 1996, l'allora presidente del Pakistan Farooq Leghari ha detto all'Alto Commissario indiano Satish Chandra che era del tutto concepibile che il Pakistan interrompesse le forniture in momenti di tensione, aggiungendo con disinvoltura che i conflitti tra India e Pakistan raramente duravano più di qualche settimana e che dunque l'India non doveva preoccuparsi per i blocchi temporanei delle forniture di gas!

C'è poi da dire che il gasdotto attraverserà il Belucistan iraniano e pakistano.

Negli ultimi tre anni i gasdotti pakistani sono stati sistematicamente oggetto di attentati da parte dei separatisti beluci. Nel Belucistan iraniano una misteriosa organizzazione sunnita (che si ritiene goda dell'appoggio degli Stati Uniti) chiamata Jundullah ha compiuto attacchi contro obiettivi del governo iraniano. Il nuovo governo pakistano sembra più realistico del generale Musharraf nel trattare con le aspirazioni dei beluci.

Ma è prudente per Nuova Dheli diventare ampiamente dipendente da un gasdotto che attraversi il Belucistan finché non avrà la certezza che i problemi in quella provincia siano risolti e le aspirazioni dei beluci soddisfatte? Finanziariamente, dati i costi in vertiginosa crescita del petrolio e visto che i prezzi del gas sono collegati a quelli del petrolio, quand'è che gli impianti energetici basati sul gas smetteranno di convenire all'India? E infine, un accordo dovrà prevedere delle penali per la mancata fornitura e delle riserve di gas che provvedano in caso di interruzione della fornitura.

La preoccupazione per la sicurezza
Nei colloqui con Iran e Pakistan questi sono tutti temi che vanno affrontati. Allo stesso tempo, gli interessi dell'India impongono che negli investimenti e nella costruzione del gasdotto sia coinvolta una grande potenza come la Russia, che garantisca la continuità delle forniture. GAZPROM sarebbe un partner ideale in questo senso. Probabilmente GAZPROM potrebbe essere convinta a entrare in un progetto di gasdotto sottomarino dall'Iran che aggirasse il Pakistan, rispondendo così alle preoccupazioni per la sicurezza energetica.

Inoltre Nuova Delhi dovrebbe essere cauta nel procedere con il progetto del gasdotto dal Turkmenistan, attraverso l'Afghanistan e il Pakistan, per la fornitura di gas all'India. La situazione nell'Afghanistan meridionale, dove i talebani controllano ampi tratti della campagna, è troppo turbolenta per garantire la sicurezza delle rotte energetiche.

Infine, data la grande influenza di Mosca in Asia Centrale, è come minimo prudente consultare i russi su questo progetto. Il governo di Manmohan Singh non è stato abbastanza trasparente nello spiegare tali questioni all'opinione pubblica indiana. In assenza di un dibattito informato, i demagoghi che danno voce alla vuota retorica della Guerra Fredda sono destinati inevitabilmente a dominare la discussione pubblica.

L'autore è stato Alto Commissario per il Pakistan.

Originale da: The Hindu Business Line

Articolo originale pubblicato il 15 maggio 2008

Nessun commento: