lunedì, maggio 19, 2008

La visita in India di Ahmadinejad: un momento determinante

La visita in India di Ahmadinejad: un momento determinante

M.K. Bhadrakumar

Le Cassandre indiane avevano ammonito il paese che il mondo ci avrebbe considerati volubili e poco seri se avessimo dialogato con l'Iran. Dicevano che l'immagine dell'India era destinata a crollare se avessimo discusso con l'Iran in modo costruttivo e in uno spirito di cooperazione. Questo succedeva poco più di una settimana fa e sembra già distante anni luce. Sarà interessante osservare quello che accadrà nelle prossime settimane. È altamente probabile che la comunità internazionale capirà la correzione di rotta della nostra politica nei confronti dell'Iran.

La visita del presidente Mahmoud Ahmadinejad a Delhi, per quanto breve, è stata determinante. Innanzitutto l'India e l'Iran si gettano alle spalle l'indifferenza che ha caratterizzato le loro relazioni bilaterali negli anni 2005-2007. La visita di Ahmadinejad segnala il desiderio dell'Iran di incentivare i propri legami con l'India e sottolinea la nostra decisione di porre fine a un infelice interregno caratterizzato da una visione neoconservatrice dell'Iran filtrata attraverso il prisma della nostra “alleanza di valori” con gli Stati Uniti.

Naturalmente sarebbe stato preferibile che il presidente si fermasse più a lungo in India e che le leadership dei due paesi tenessero una conferenza stampa congiunta. Ma forse i tempi non sono ancora maturi per questo. Ciò che importa per ora è che Nuova Delhi si è riavvicinata in punta di piedi alla comunità internazionale, secondo la quale si dovrebbe permettere all'Agenzia internazionale per l'energia atomica di terminare il suo lavoro sulla questione nucleare iraniana. Gli Stati Uniti sono così ostacolati nella loro volontà di imporre sanzioni punitive all'Iran.

Anzi, perfino negli Stati Uniti si sta facendo strada un ripensamento. A una tavola rotonda svoltasil il 27 marzo scorso, cinque ex-segretari di stato – Henry Kissinger, James Baker, Warren Christopher, Madeline Albright e Colin Powell – hanno raggiunto il consenso sul fatto che gli Stati Uniti dovrebbero aprire una linea di dialogo con l'Iran. Albright ha enfatizzato l'importanza di trovare un “terreno comune”; Christopher ha sollecitato i diplomatici americani a esplorare i possibili contatti; Baker ha suggerito che il dialogo potrebbe incentrarsi su un dilemma comune – “un Iraq disfunzionale non sarebbe nell'interesse dell'Iran, hanno tutti i motivi per aiutarci come hanno fatto in Afghanistan”; Kissinger ha invocato una linea di comunicazione aperta e “incondizionata”; Powell ha paragonato il potenziale dialogo con le difficili visite da lui compiute in Iran – “Non sono sempre visite piacevoli, ma va fatto”. Un altro ex-segretario di stato, Zbigniew Brzezinski, sostiene da molto tempo la necessità di dialogare in modo costruttivo con l'Iran.

Gli opinionisti indiani, dunque, non devono temere gli Stati Uniti se l'India decide di instaurare rapporti di amicizia con l'Iran. Di fatto, lo stratagemma statunitense volto a isolare l'Iran si è dimostrato inefficace. I regimi arabi “filoamericani” hanno cercato un accordo con l'Iran. La Turchia collabora con l'Iran sulle questioni della sicurezza regionale. L'Iran ha sventato i tentativi americani di provocare un cambio di regime a Teheran. Nel frattempo la posizione difficile degli Stati Uniti in Iraq ha aumentato l'influenza dell'Iran nella regione. Nuova Delhi ha dunque valutato bene la correlazione tra le forze nella regione.

Un secondo aspetto emerso durante la visita di Ahmadinejad è il riconoscimento da parte dell'India della “fattibilità” del progetto del gasdotto iraniano. Ed era ora. C'è poi ragione di credere che l'accordo LNG [per l'importazione di gas naturale liquefatto, N.d.T.] con l'Iran sia ancora realizzabile. L'accorgo LNG ha un ruolo cruciale nel dare slancio alla cooperazione indo-iraniana. Teheran dovrebbe rendersi conto che non si tratta solo di cooperazione energetica. Senza dubbio l'accordo incentiverà l'espansione della cooperazione economica bilaterale. Dunque è possibile dire, in una prospettiva storica, che tenendo conto di tutti i fattori – l'innalzamento del prezzo del greggio; il crescente surplus di capitali dell'Iran per gli investimenti; il suo programma di privatizzazioni; il consolidamento e la stabilità del regime iraniano; le preoccupazioni dell'India in materia di sicurezza energetica; e la comparsa di compagnie indiane come entità multinazionali – la cooperazione indo-iraniana si trova a un punto di svolta.

L'Iran è una figura fondamentale sullo scacchiere della sicurezza energetica. Il paradosso è che la diminuzione della dipendenza dell'Europa dall'energia russa è uno dei pilastri della politica transatlantica di Washington. Ma questo non è possibile a meno che l'Europa non acceda all'energia iraniana. Qui il tempo è un fattore essenziale, giacché l'Iran nei prossimi mesi si troverà a prendere decisioni molto importanti. Proprio il progetto Nabucco appoggiato dagli Stati Uniti – che prevede di trasportare il gas europeo attraverso la Turchia – potrebbe garantire all'Iran l'integrazione con l'Occidente. Al contempo, Ahmadinejad è interessato al progetto di una rete energetica che coinvolga Russia, Cina, India e Pakistan.

Nel frattempo, i paesi centro-asiatici produttori di gas – Turkmenistan, Kazakistan e Uzbekistan – si sono accordati per passare ai prezzi europei nei loro contratti con la russa Gazprom. E ancora: di recente l'Iran ha chiesto formalmente di aderire alla Shanghai Cooperation Organisation (SCO). Inoltre ha preso l'iniziativa di creare un cartello di paesi produttori di gas sul modello dell'OPEC. Questo cartello potrebbe essere costituito al settimo incontro ministeriale del Forum dei paesi produttori di gas che si terrà a Mosca questo mese. Lo scenario peggiore per gli Stati Uniti sarebbe che l'Iran e la Russia si accordassero per coordinare le proprie politiche energetiche e magari dividersi il mercato del gas. Qui è in ballo niente meno che il ruolo di leader transatlantico degli Stati Uniti. Di certo l'Iran gioca una posta molto alta nella strategia globale statunitense. Questo spiega perché Washington insista sul fatto che l'Iran può avere interessi in gioco nel sistema internazionale solo se ciò avviene nell'ambito della strategia statunitense.

Un terzo aspetto è che la visita di Ahmadinejad dovrebbe ispirarci un po' di lungimiranza. Abbiamo sempre riconosciuto che l'Iran è una potenza regionale. Il numero di abitanti dell'Iran e il suo tasso di crescita demografica, l'attuale stadio di sviluppo economico e le profonde capacità intellettuali sono tutti fattori che aumentano il suo prestigio in quanto potenza regionale. Inoltre la posizione geografica dell'Iran lo rende un protagonista di peso nelle regioni circostanti: il Golfo Persico e l'Asia Occidentale, il Caucaso, il Caspio, l'Asia Centrale e Meridionale. Ecco perché gli scambi indo-iraniani hanno sempre assunto un carattere molto ampio. Quella tradizione va ripristinata.

Valutando i colloqui con Ahmadinejad, il ministro degli esteri Shiv Shankar Menon ha detto con la tipica moderazione che il progetto del gasdotto tra Iran, Pakistan e India ha le potenzialità per essere uno strumento di costruzione della fiducia tra i tre paesi. È una valutazione puntuale, senza orgoglio né pregiudizio, della geopolitica della regione. Ma come dovrebbe fare in simili circostanze ogni seria potenza regionale, l'India deve anche saper guardare avanti e individuare il modo per imprimere un effetto moltiplicatore alla spinta fornita dal progetto IPI. La proposta di Pechino a Tokyo di creare un gasdotto sottomarino estendendo il cosiddetto “Corridoio energetico Est-Ovest” (tra lo Xinjiang e Shanghai), attualmente in fase di costruzione, dall'Asia Caspica e Centrale alla Cina, è un esempio affascinante di come sia possibile pianificare con lungimiranza il futuro. L'idea è che due paesi potenzialmente rivali cooperino nel settore della sicurezza energetica in un'iniziativa di stabilità regionale. Forse i nostri vicini – lo Sri Lanka, il Nepal, il Bhutan e la China – possono essere coinvolti nel gasdotto Iran-Pakistan-India. In ogni caso, l'India deve sfruttare il suo ruolo di paese di transito per l'energia. È un'opportunità troppo buona per lasciarsela scappare.

Insomma, è tempo che New Delhi comprenda che la SCO ha guadagnato una notevole forza di attrazione. L'Ucraina, la Bielorussia, il Nepal, lo Sri Lanka, l'Australia e la Nuova Zelanda, tra gli altri, fanno la fila per instaurare legami con la SCO. La Turchia mira a farne parte. L'Iran e il Pakistan, che hanno già lo status di “osservatori”, sono interessati a diventarne membri a tutti gli effetti. Anche noi dobbiamo considerare seriamente la questione dell'adesione. La nostra politica per l'Asia Centrale non dovrebbe continuare a essere un'appendice della strategia per la “Grande Asia Centrale” degli Stati Uniti, altro lascito neoconservatore.

L'IPI può creare un nuovo contesto di cooperazione regionale tra India e Pakistan. Dovremmo elaborare progetti all'interno della SCO per sviluppare rotte di trasporto tra l'Asia Centrale e l'Asia Meridionale. La SCO è desiderosa di infondere nuove energie al suo “Gruppo di Contatto” con l'Afghanistan. È probabile che la Cina e gli stati centro-asiatici siano molto interessati a questi progetti della SCO. L'Afghanistan potrebbe diventare il fulcro dei collegamenti della SCO. Una ricaduta politica potrebbe essere un'iniziativa regionale sotto gli aspici della SCO per stabilizzare la situazione afghana. È spaventoso che gli stati della regione abbiano lasciato che gli Stati Uniti trasformassero l'Afghanistan in un laboratorio per testare l'efficienza della NATO.

Queste modalità di cooperazione tra India e Iran rafforzerebbero la stabilità e la sicurezza regionale, oltre ad archiviare episodi negativi del nostro passato. Naturalmente questo comporta che si abbandonino le ossessioni “euro-atlantiste” e ci si concentri invece sulla regione nella quale viviamo. Le nostre Cassandre devono abituarsi all'idea che il dialogo India-Iran ha grandi potenzialità. Il problema è che, come rospi in un pozzo, vedono solo un piccolo lembo di cielo: lo vedono pieno di stelle e strisce, e pensano che tutto il cielo sia così.

M. K. Bhadrakumar è stato diplomatico di carriera nell'Indian Foreign Service per più di 29 anni. Tra i suoi incarichi, quello di ambasciatore in Uzbekistan (1996-98) e in Turchia (1998-2001) .

Originale da: The Hindu

Articolo originale pubblicato il 10 maggio 2008.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Gychiassy
rpeg