venerdì, agosto 15, 2008

I link di oggi

Cominciamo con informazioni di prima mano di fonte russa. A Sevastopol'/Sebastopoli [in Ucraina, Crimea; e tuttavia indipendente dalla Repubblica autonoma di Crimea, poiché gode di statuto speciale; già base della Flotta del Mar Nero sovietica, ora un importante porto militare diviso tra le Marine russa e ucraina*], dove la maggioranza della popolazione (oltre il 70%) è di etnia e lingua russa nonostante vari tentativi di ucrainizzazione, si riportano provocazioni costanti nei confronti dei russi, verosimilmente per provocare un intervento della Russia. Inoltre agli abitanti non è concesso accogliere profughi dall'Ossezia. Altro dato interessante: pare che il 1° settembre nelle scuole ucraine (dunque anche a Sevastopol') verrà tenuta una lezione dedicata alla "necessità della presenza NATO in Ucraina". Il disagio della popolazione russa - che risente dell'indifferenza ostile della comunità internazionale - è forte, come il timore di incidenti e dell'inizio di una vera e propria guerra.

*mi scuso per la semplificazione che non tiene conto della complessa e delicata storia di Sevastopol' e delle attuali problematica: prossimamente sarò più precisa.

***

Un'altra segnalazione da fonte affidabile, che inoltrerei a chi di informazione di occupa per lavoro per una maggiore diffusione (vedete poi se farla girare, mi affido ai vostri potenti mezzi dei quali non voglio sapere nulla :-)):
Una traduttice che vive a Mosca ma di origine osseta, nata a Tskhinvali, ha appena perso lì i suoi cari. Dispone delle tremende testimonianze delle persone con cui è in contatto nella capitale dell'Ossezia Meridionale e vorrebbe farle conoscere. È traduttrice dall'italiano, dunque non ci sono problemi con la lingua, ma non sa come mettersi in contatto con nostri mezzi di informazione.
(Le persone interessate possono scrivere a me, provvedo a inoltrare).

***

Tornando all'Ucraina: alla luce del conflitto georgiano il presidente della commissione del parlamento ucraino per la sicurezza nazionale e la difesa, Anatolij Gricenko, ritiene necessario fare controlli sulle persone che possiedono il doppio passaporto russo-ucraino per verificare quanti cittadini godano illegalmente della doppia cittadinanza.
Secondo la legge ucraina i cittadini del paese non possono essere contemporaneamente cittadini di un'altro paese.
Link in russo, qui.

***

La guerra dell'informazione: una ragazzina americana di origini ossete si trovava a Tskhnvali durante il bombardamento. Rimpatriata sana e salva via Mosca viene intervistata da Fox News insieme alla zia. Finché la bambina racconta la paurosa esperienza, bene. A un certo punto si ricorda di precisare che le bombe erano georgiane e di ringraziare i russi. Ma quando la zia comincia a dire "voglio che sappiate di chi è la colpa" e ad accusare Saakshvili, accusandolo di essere un aggressore e un assassino... pubblicità. Poi altri 30 secondi, zia. "La mia casa in Ossezia è andata distrutta... non incolpo i georgiani, incolpo il loro presidente..." Peccato che il tempo sia già finito.
Link con video YouTube.

***

Nei commenti del blog mirumir massimo mi tiene informata su altri episodi della guerra di propaganda e mediatica: il server del sito wartoday.org, dedicato alla raccolta di materiali sulla guerra censurati e inaccessibili agli utenti georgiani, è vittima di un oscuramento sospetto. Il server si trova in Florida e negli ultimi 7 anni ha ospitato anche siti commerciali e di altro tipo: nessuno di questi ha mai avuto particolari problemi. Da un paio di giorni invece wartoday.ru è inaccessibile, gli amministratori di sistema non rispondono alle mail e sono introvabili.
Link (RUS)

***



Come volevasi dimostrare: ecco l'uomo copertina, quello che tutti amano odiare.
Link

***

A questo punto conto che il Benedetti quotidiano sia ormai nei vostri bookmarks, comunque cito dall'articolo di oggi:

"[...] l’intera vicenda non è più solo un problema legato a uno sgradito e odiato interlocutore come Saakasvili. Il problema consiste nel fatto che la Russia deve pur sempre fare i conti con una realtà geopolitica come la Georgia che esiste ed ha i suoi contatti internazionali. Una Georgia che - con o senza le realtà dell’Ossezia del Sud, l’Abchasia e l’Adzaria - ha un suo ruolo nel bacino sud del Caucaso. Tanto più che accanto a Tbilissi opera l’amministrazione statunitense. E Mosca non può fare a meno di notare che stanno tornando sempre più a soffiare i venti della guerra fredda e che la geopolitica americana sta sfoderando le sue carte nell’arena dello spazio ex sovietico.

Ecco ad esempio che nell’ambito degli scenari di breve, medio e lungo termine - che si muovono dietro la crisi georgiana - si rileva che l'amministrazione Bush e i suoi alleati stanno prendendo in considerazione l'espulsione della Russia dal G8, il congelamento della sua integrazione nel Wto o nell'Ocse e, più a breve termine, la cancellazione delle prossime esercitazioni militari congiunte Russia-Nato.

Si delinea un situazione complessa e sfumata che vede avanzare sempre più un personaggio come il segretario di Stato americano, Condoleezza Rice, da sempre su posizioni anti-russe. E’ lei che si fa portavoce delle posizioni più oltranziste sostenendo che la crisi georgiana rischia di innescare una 'importante' crisi diplomatica tra Russia e Stati Uniti. Tutto questo perchè per la Casa Bianca la reazione di Mosca in Georgia sarebbe stata 'sproporzionata'. E il consigliere nazionale aggiunto alla Sicurezza, James F. Jeffrey ha subito aggiunto che se la Russia dovesse continuare nella sua escalation militare questo avrebbe un impatto 'importante' sulle relazioni americano-russe".

***

A rischio l'appoggio russo alle sanzioni contro l'Iran, che non può che accogliere favorevolmente qualsiasi cosa gli permetta di guadagnare tempo, allevi la pressione internazionale e dia dei grattacapi agli Stati Uniti (sempre che il conflitto in Georgia non dilaghi).

***

La crisi della Georgia esaspera le divisioni europee, di Paul Taylor (Reuters). E ci sono divergenze anche all'interno della NATO. Stati Uniti, Stati baltici, Polonia e Repubblica Ceca hanno attaccato l'"aggressione" russa; si aggiunge allo schieramento anti-russo la Gran Bretagna, che con la Russia ha già avuto qualche problema (Litvinenko, caso BP).
Ci sono poi Francia e Germania, che si sono opposte al piano di ingresso di Georgia e Ucraina nella NATO e sono contrarie a una netta condanna della Russia. Frattini ha dichiarato che non dovrebbe esserci un fronte anti-russo e questa posizione è condivisa da Spagna, Irlanda, Grecia, Belgio, Austria e Cipro.

***

L'Europa si è divisa sulla Georgia, Kommersant': "la frattura è perfino più profonda di quella del 2003, quando i vecchi e nuovi stati europei si trovarono in disaccordo sull'invasione statunitense dell'Iraq".

***

Gli ufficiali dei servizi russi hanno trovato delle targe diplomatiche ucraine in una base militare georgiana vicino a Senaki. Lo ha detto poco fa il rappresentante russo alla NATO Rogozin, che ha comunicato di avere chiesto chiarimenti al governo di Kiev. La stessa scoperta è stata fatta in Abchazia, come aveva dichiarato poco prima il vice capo di Stato Maggiore Nogovicyn. I ritrovamenti sospetti potrebbero indicare un coinvolgimento dell'Ucraina nel recente conflitto.
Link (RUS)
Link (ING)

Nessun commento: