martedì, settembre 02, 2008

La proposta che non potevano rifiutare

E dunque (per l'antefatto e i dettagli si veda il post precedente) la Russia e l'Uzbekistan oggi si sono effettivamente accordati sulla costruzione di un nuovo gasdotto per il gas naturale uzbeko e turkmeno e sull'allineamento del prezzo del gas uzbeko con i prezzi europei.
Secondo gli esperti il nuovo gasdotto permetterà a Mosca di conservare il monopolio sulle esportazioni di gas dall'Asia Centrale verso l'Europa, rafforzandone dunque l'influenza nella regione.
Fonte: Lenta.ru (RUS)
Vzgljad, citando le parole di Putin, riferisce anche che i due paesi estenderanno la cooperazione tecnico-militare (compresa la fornitura di nuovi sistemi d'arma).

Nessun commento: