domenica, dicembre 21, 2008

Braccio destro di Gordon Brown nella direzione di un gruppo anti-Putin

Braccio destro di Gordon Brown nella direzione di un gruppo anti-Putin

di Robert Watts, Times Online, 21 dicembre 2008

Uno dei bracci destri di Gordon Brown svolge un ruolo importante in un gruppo di pressione che ha attaccato la leadership di Vladimir Putin definendola “corrotta” e “prepotente”.

Jon Mendelsohn, il principale responsabile della raccolta fondi del partito laburista, è nella direzione della Russia Foundation, un think tank con sede a Londra finanziato da oppositori espatriati del primo ministro russo e del presidente Dmitrij Medvedev.

La scorsa settimana David Clark, presidente della fondazione, aveva detto al Sunday Times che Mendelsohn avrebbe collaborato alla raccolta fondi. Tuttavia ieri ha dichiarato che Mendelsohn aveva “chiarito” con lui che ciò non sarebbe più stato possibile.

Ha dichiarato Clark: “Come parte del direttivo della Russia Foundation, Jon Mendelsohn contribuisce a una formazione forte. La fondazione beneficia della sua considerevole esperienza politica e organizzativa nello sviluppo del proprio programma e siamo molto lieti di averlo con noi”.

La notizia che una figura così vicina a Brown lavora anche per un'organizzazione ostile al Cremlino può causare imbarazzo nelle relazioni di Downing Street con Mosca.

La fondazione è stata creata nel 2004 fa un socio di Michail Chodorkovskij, il miliardario russo ora in carcere in Siberia per frode ed evasione fiscale. Il suo sito la descrive come “una risorsa in lingua inglese per chi mira a una comprensione più profonda degli sviluppi politici, sociali ed economici della Russia contemporanea”.

Tuttavia la grande maggioranza dei contenuti del sito è fortemente critica nei confronti delle autorità del Cremlino.

Clark, ex consigliere laburista, ha ripetutamente attaccato Putin e Medvedev sui media. Negli ultimi mesi ha dichiarato che Putin dirige “un regime autoritario troppo corrotto dal potere per cambiare” e nutre i russi di “paranoia esterofoba e revivalismo sciovinista”.

Ha anche sollecitato l'Unione Europea ad assumere una linea più dura con la Russia di Putin, affermando che “l'Occidente non può più restare fermo mentre il prepotente russo causa distruzioni”.

Mendelsohn, 41 anni, ha di molto migliorato le finanze laburiste da quando lo scorso anno ha preso il posto di Lord Levy. Non viene pagato per il suo lavoro per il partito né per la Russia Foundation.

Originale: Key aide to Gordon Brown is director of anti-Putin group

2 commenti:

Piero ha detto...

L'Europa deve assumere una linea più dura con la russia di Putin?
Forse dimenticano che i loro soldati assieme ai Nord americani hanno ucciso più di 1 miloine di Irakeni e centinaia di migliaia di Afghani "INNOCENTI". Gli inglesi non sanno cos'è la vergogna.
Saluti.

Anonimo ha detto...

gli anglosassoni conoscono la paura non i rimorsi