lunedì, dicembre 01, 2008

Mumbai sotto assedio, di Yoginder Sikand

Mumbai sotto assedio

di Yoginder Sikand

“O credenti. Siate osservanti verso Dio, siate testimoni di giustizia, e non v'induca l'odio verso taluni ad essere ingiusti. Siate giusti – che è cosa più vicina alla timoratezza – e temete Iddio, che è bene informato di ciò che voi fate”.
(Il Corano, Sura V. La Mensa: 8)

Stanno circolando molte teorie sui feroci attacchi terroristici di Mumbai. L'opinione dominante, basata su ciò che suggeriscono i mezzi di informazione, è che siano opera della temuta organizzazione terroristica con sede in Pakistan Lashkar-e Toiba, che, da quando anni fa è stata bandita dal Governo del Pakistan, ha adottato il nome di Jamaat ud-Dawah. L'ipotesi è verosimile, poiché il Lashkar negli ultimi anni ha messo in atto molti attentati terroristici, soprattutto nel Kashmir.

Il Lashkar è il braccio militare del Markaz Dawat wal Irshad, organizzazione staccatasi dal pakistano Ahl-e Hadith, gruppo con stretti legami con i wahabiti sauditi. Il suo quartier generale è situato nella città di Muridke nel distretto di Gujranwala nel Punjab pakistano. Il Markaz è stato creato nel 1986 da due professori universitari pakistani, Hafiz Muhammad Saeed e Zafar Iqbalm, coadiuvati da Abdullah Azam, stretto collaboratore di Osama bin Laden, che allora era legato all'Università Islamica Internazionale di Islamabad. Sembra che il denaro per finanziare la formazione dell'organizzazione venisse dai servizi segreti pachistani, l'Inter Services Intelligence (ISI). Risulta dunque chiaro che fin dall'inizio il Lashkar ha goduto del sostegno dell'establishment pakistano.

Il Lashkar fu creato come organizzazione paramilitare per l'addestramento di guerriglieri che combattevano contro i sovietici in Afghanistan. Presto disseminò sul territorio del Pakistan e dell'Afghanistan decine di campi d'addestramento. I militanti che uscirono da quei centri svolsero un ruolo fondamentale nelle lotte armate prima in Afghanistan e poi in Bosnia, Cecenia, Kosovo, il sud delle Filippine e il Kashmir.

Come altri gruppi estremisti islamici, il Lashkar vede l'Islam come un sistema onnicomprensivo che governa tutti gli aspetti della vita personale e collettiva, attraverso la sharia. Per l'instaurazione di un sistema islamico, insiste, è necessario uno 'stato islamico' che imponga la sharia come legge. Se, come dichiara il sito internet ufficiale del Lashkar, venisse fondato un tale stato e tutti i musulmani vivessero rispettando “le leggi stabilite da Allah”, allora “sarebbero in grado di controllare il mondo intero e di esercitare la loro supremazia”. E per questo, come pure per rispondere all'oppressione subita dai musulmani in ampie zone del mondo, insiste che tutti i musulmani ricorrano al jihad armato. Il jihad armato deve continuare, annuncia il sito internet, “finché l'Islam, come stile di vita, non dominerà tutto il mondo e finché la legge di Allah non verrà applicata ovunque”.

Il tema del jihad armato pervade gli scritti e le dichiarazioni del Lashkar ed è, di fatto, il tema principale delle sue argomentazioni. Anzi, la sua comprensione dell'Islam sembra essere determinata quasi del tutto da questa preoccupazione, tanto che la sua lettura dell'Islam sembra essere il prodotto di quel progetto politico, che finisce efficacemente per equiparare l'Islam con il terrore. Essendo nato come conseguenza della guerra in Afghanistan, la guerra è diventata la vera ragion d'essere del Lashkar, e il suo sviluppo successivo è stato quasi interamente determinato da questa preoccupazione. I contorni del suo quadro ideologico sono costruiti in modo che il tema del jihad armato appaia come l'elemento centrale del progetto. Negli scritti e nei discorsi dei portavoce del Lashkar il jihad appare come conflitto violento (qital) condotto contro “miscredenti” che sono considerati responsabili dell'oppressione dei musulmani. Anzi, il Lashkar lo rende uno degli assunti centrali dell'Islam, benché non sia stato tradizionalmente incluso tra i “cinque pilastri” della fede. Così il sito internet del Lashkar afferma che “L'enfasi posta su questo tema è così forte che alcuni commentatori e studiosi del Corano hanno osservato che l'argomento del Corano è il jihad”. Un'altra dichiarazione del Lashkar afferma: “C'è consenso tra gli studiosi del Corano sul fatto che nessun'altra azione è stata spiegata tanto dettagliatamente quanto il jihad”.

Nelle argomentazioni del Lashkar, il jihad contro i non-musulmani è proiettato come dovere religioso cui sono vincolati oggi tutti i musulmani. Sul sito internet del Lashkar si afferma che un musulmano che “non ha mai inteso lottare contro i miscredenti […] non è privo di tracce di ipocrisia”. Dei musulmani che hanno la capacità di partecipare o offrire il loro aiuto al jihad ma non lo fanno dice che “vivono una vita di peccato”. Non sorprende, dunque, che il Lashkar condanni tutti i musulmani che non sono d'accordo con la sua visione dannosa e gravemente distorta dell'Islam e il suo odioso travisamento del jihad – sufi, sciiti, barelvi e via dicendo – in quanto “devianti” o esterni all'Islam o perfino in combutta con “forze anti-islamiche”. Il Lashkar promette ai suoi attivisti che riceveranno grandi premi, sia in questo mondo che nell'Aldilà, se lotteranno attivamente sul cammino del jiahd. Non solo sarà loro garantito un posto in Paradiso, ma saranno anche “onorati in questo mondo”, perché il jihad, dice, è anche “il sistema per risolvere problemi politici e finanziari”.

Per estremamente bizzarro che possa sembrare, il Markaz si vede impegnato in un jihad globale finalizzato alla conquista del mondo intero. Come ha dichiarato una volta Nazir Ahmed, responsabile del dipartimento delle pubbliche relazioni del Lashkar, attraverso il cosiddetto jihad lanciato dal Lashkar “l'Islam sarà dominante in tutto il mondo”. Questa guerra globale è vista come un rimedio per tutti i mali e l'oppressione che affliggono i musulmani, e si afferma che “se vogliamo vivere con onore e dignità dobbiamo fare ritorno al jihad”. Attraverso il jihad, dice il sito web del Lashkar, “l'Islam dominerà in tutto il mondo”.

Nelle argomentazioni del Lashkar, il suo sedicente jihad contro l'India è considerato come nientemeno che una guerra tra due ideologie diverse e contrapposte: l'Islam e l'Induismo. Con gli induisti fa di tutta l'erba un fascio in quanto li considera tutti “nemici dell'Islam”. Dunque Hafiz Muhammad Saeed, il capo del Lashkar, può dichiarare: “Di fatto gli indù sono vili nemici e il modo giusto di trattare con loro è quello adottato dai nostri antenati, che li schiacciarono con la forza. Dobbiamo fare altrettanto”.

L'India è un importante bersaglio per i terroristi del Lashkar. Secondo Hafiz Muhammad Saeed, “Il jihad non riguarda solo il Kashmir. Abbraccia tutta l'India”. Dunque per il Lashkar il suo sedicente jihad va ben oltre i confini del Kashmir e si espande in tutta l'India. Il suo scopo finale, dice, è estendere il controllo musulmano in quella che un tempo era terra musulmana e dunque va riportata sotto il dominio musulmano, creando quello che il Lashkar definisce “Il Grande Pakistan per mezzo del jihad”. Così, a un imponente raduno di seguaci del Lashkar tenutosi nel novembre 1999, Hafiz Muhammad Saeed tuonò: “Oggi annuncio la dissoluzione dell'India, Inshallah. Non riposeremo finché tutta l'India non si dissolverà nel Pakistan”.

Il Lashkar, a quando riferiscono i media, ha cercato di far proseliti tra i musulmani indiani, e potrebbe aver reclutato qualcuno alla sua causa. Se è così, è stato sicuramente aiutato dai sanguinosi pogrom antimusulmani ispirati dall'Hindutva [lett. “Induità”, ideologia nazionalista che propugna la supremazia degli indù nella società e nelle istituzioni indiane, N.d.T.] e spesso appoggiati dallo Stato, che hanno causato diverse migliaia di vittime innocenti. Il fatto che in questi casi non si sia fatta neanche una parvenza di giustizia e che lo Stato non abbia preso alcun provvedimento per arginare il terrorismo Hindutva si aggiunge al già profondo e disperato malcontento diffuso tra molti musulmani indiani. I gruppi terroristici sedicenti islamici come il Lashkar potrebbero usare la situazione per promuovere i loro piani. È dunque ovvio che per contrastare la grave minaccia rappresentata da gruppi terroristici come il Lashkar lo Stato indiano debba necessariamente contenere anche la minaccia del terrorismo Hindutva, che ha ora assunto la forma di fascismo conclamato. I due tipi di terrorismo si alimentano a vicenda, e l'uno non può essere sconfitto se non si combatte anche l'altro.

Misericordiosamente, e nonostante a essi venga negata la giustizia, la grande maggioranza degli indiani musulmani si è rifiutata di cadere nella trappola del Lashkar. Le molte conferenze contro il terrorismo organizzate di recente da importanti gruppi islamici indiani sono la prova che considerano il travisamento dell'Islam compiuto dal Lashkar come assolutamente anti-islamico, come una perversione della loro fede. Queste voci devono essere urgentemente incoraggiate, perché potrebbero costituire l'antidoto più efficace alla propaganda del Lashkar. Molti studiosi islamici indiani che conosco e con i quali ho parlato ribadiscono che la condanna del Lashkar di tutti i non-musulmani come “nemici dell'Islam”, la sua incitazione all'odio verso gli indù e l'India e la sua interpretazione del jihad sono un completo travisamento degli insegnamenti islamici. Criticano amaramente il suo appello per un Califfato universale come sciocco pio desiderio. E sono unanimi sul fatto che, lungi dal servire la causa della fede che dicono di abbracciare, gruppi come il Lashkar hanno recato il danni più nefasto al nome dell'Islam, e vanno considerati ampiamente responsabili della crescente islamofobia globale.

Mentre i sospetti si concentrano sul Lashkar per i recenti attentati di Mumbai, in alcuni ambienti si sollevano altre dubbi. Non è passato inosservato il fatto significativo che Hemant Karkare, il coraggioso capo della squadra antiterrorismo rimasto ucciso negli attacchi di Mumbai, avesse indagato sul ruolo dei gruppi terroristici Hindutva negli attentati compiuti a Malegaon e in altre località e per questo avesse ricevuto minacce. Né è passato inosservato il fatto che gli attacchi di Mumbai siano stati messi in atto subito dopo che erano emerse inquietanti rivelazioni sul suolo degli attivisti Hindutva in attentati in diverse zone dell'India. È anche significativo che gli attentati di Mumbai abbiano completamente messo in ombra la questione del terrorismo di ispirazione Hindutva.


Cerimonia di preghiera per Hemant Karkare, capo della squadra antiterrorismo rimasto ucciso negli attacchi. Foto AP.

E poi alcuni stanno proponendo una possibile ipotesi israeliana. Il popolare tabloid di Mumbai Mid-Day, in un articolo su un edificio in cui si erano asserragliati molti militanti intitolato “Mumbai Attack: Was Nariman House the Terror Hub?” (“Attentati di Mumbai: era la Nariman House il centro del terrore?”), scrive:

“Il ruolo che la Nariman House ha preso a svolgere nel dramma degli attentati è sconcertante. L'altra sera i residenti hanno ordinato quasi 100 chili di carne e altro cibo, abbastanza per nutrire un esercito o un gruppo di persone per venti giorni. Poco dopo sono entrati i militanti, più di dieci, il che indica che il cibo e la carne erano stati ordinati in vista del loro arrivo, ha aggiunto un altro poliziotto. 'Oggi uno dei militanti ha chiamato un canale televisivo e ha espresso le sue richieste, ma quando gli è stato chiesto dove si nascondessero ha risposto alla Nariman House di Israele, e che erano in sei', ha detto uno degli inquirenti. Le sparatorie vanno avanti fin dalla mattina e i militanti sembrano ben equipaggiati per rispondere al fuoco dei poliziotti. E poi hanno cibo e riparo. Viene da chiedersi [se] abbiano l'appoggio dei residenti, ha commentato Ramrao Shanker, che abita nei paraggi”.

Ad alcuni l'ipotesi di un coinvolgimento di Israele o del Mossad nella vicenda potrà sembrare inverosimile. Ma non è così per altri, che mettono in rilievo il ruolo di agenti israeliani nella destabilizzazione di molti paesi, anche per mezzo di infiltrazioni in movimenti islamici estremisti come il gruppo yemenita che si definisce “Islamic Jihad” ed è considerato responsabile dell'attentato contro l'Ambasciata americana a Sanaa e si dice abbia stretti legami con i servizi israeliani. Alcuni si sono chiesti se il Mossad o perfino la CIA possano avere direttamente o indirettamente istigato giovani musulmani indiani, pakistani o di altre nazionalità a votarsi al terrorismo giocando sul malcontento dei musulmani e operando attraverso gruppi islamici esistenti o creandone appositamente di nuovi.

Se questa accusa è vera – anche se resta da stabilire in maniera conclusiva – lo scopo potrebbe essere quello di radicalizzare ulteriormente i musulmani per fornire ulteriori pretesti agli attacchi dell'America e di Israele contro l'Islam e i paesi musulmani. A tale proposito si ricorda anche che la CIA è stata per anni in strettissimo contatto con l'ISI pakistano e con gruppi islamici estremisti del Pakistan. In alcuni ambienti si specula anche sul possibile ruolo di queste entità straniere in attacchi terroristici che hanno colpito l'India negli ultimi anni con il fine di alimentare ulteriormente l'odio anti-musulmano e di indebolire l'India.

Va indagato adeguatamente se queste ipotesi siano vere. Resta però il fatto che pare essere nell'assoluto interesse dell'establishment israeliano e di gruppi di potere americani creare instabilità in India, alimentare il conflitto tra indù e musulmani, perfino al punto di condurre alla guerra l'India e il Pakistan e trascinare così l'india nell'abbraccio mortale dei sionisti e degli imperialisti americani.

In altre parole, indipendentemente da chi sta dietro i mortali attacchi di Mumbai, tutto ciò pare convenire agli interessi e ai programmi politici di forze multiple e ugualmente funeste: estremisti islamici e indù, infiammati da una visione manicheista del mondo ispirata dall'odio, ma anche potenze imperialiste globali che sembrano usare gli attacchi come uno strumento per trascinare ulteriormente l'India nel loro asse suicida.

Originale da: Mumbai under siege

Articolo originale pubblicato il 29/11/2008

Manuela Vittorelli è membro di Tlaxcala, la rete di traduttori per la diversità linguistica. Questo articolo è liberamente riproducibile, a condizione di rispettarne l'integrità e di menzionarne autori, traduttori, revisori e la fonte.

Nessun commento: