venerdì, gennaio 16, 2009

Il problema del gas tra l'Ucraina e la Russia

Il problema del gas tra l'Ucraina e la Russia
di H-J. Falkenhagen e Brigitte Queck

Prima del Nuovo Anno si sono svolti tra la russa Gazprom e l'ucraina Naftogaz delle trattative sul proseguimento della fornitura del gas russo all'Ucraina e sull'importo da pagare per il gas già consegnato.

L'Ucraina deve alla Russia 1,5 miliardi di dollari [1,1 miliardi di euro] per il gas consegnato nel 2008. Se si aggiungono gli interessi per il ritardo nei pagamenti, il debito dell'Ucraina aumenta a 2 miliardi di dollari [1,47 miliardi di euro]. Gazprom ha proposto all'Ucraina, viste le difficoltà economiche e finanziarie di questo paese, un prezzo di molto inferiore al quello mondiale: 250 dollari [184 euro] per 1000 metri cubi.

Adesso il Presidente ucraino, Juščenko, e l'attuale Primo Ministro Julija Timošennko, chiedono di fissare questo prezzo a 200 dollari [147 euro] per 1000 metri cubi. Per fare un confronto, altri paesi (il Turkmenistan o il Kazakistan) vendono il loro gas a 340 dollari [250 euro] per 1000 metri cubi. Aggiungendo i costi di trasporto l'Ucraina avrebbe dovuto pagare a questi paesi 400 dollari [294 euro]. La delegazione ucraina che si è recata in Russia nel mese di dicembre non è stata autorizzata a firmare un nuovo contratto, tanto che è rientrata in patria senza averne firmato alcuno.

Il 30 dicembre 2008 Gazprom ha ricevuto una lettera dei dirigenti ucraini che la avvisavano che l'Ucraina aveva versato sul suo conto 1,5 miliardi di dollari e dunque non doveva più niente alla Russia. Ma questi soldi non sono arrivati in Russia. E non è tutto: l'amministratore delegato di Naftogaz, Dubina, ha dichiarato che, poiché l'Ucraina non aveva firmato alcun contratto per il 2009, il gas che transita sul suo territorio sarebbe stato per così dire dichiarato “senza padrone”. E questo benché l'Ucraina abbia assicurato all'Unione Europea che la totalità del gas in transito sul suo territorio sarebbe arrivato ai destinatari: non si può che definire un inganno. E ancora: l'Ucraina intende modificare le sue tariffe di transito verso l'Europa Occidentale. Ebbene, con la Russia è stato fissato un contratto a lungo termine, che fissa la tariffa di transito attraverso l'Ucraina fino al 2001 a 1,6 dollari [1,17 euro] per 1000 metri cubi e 100 chilometri di percorso, prezzo in linea con la media europea. Ma ecco che l'Ucraina vuole aumentarlo. In questo momento le riserve sotterranee di gas ucraine sono piene, mettendo il paese al riparo dalle difficoltà di approvvigionamento della propria popolazione. Questo significa che l'Ucraina cerca di ottenere una tariffa di transito più elevata per il gas che ha. I russi da parte loro hanno ridotto progressivamente le consegne di gas all'Ucraina per interromperle del tutto il 1° gennaio 2009.

L'amministratore delegato di Naftogaz ha informato Gazprom che nonostante tutte le assicurazioni fornite all'Unione Europea dall'Ucraina, quest'ultima consegnerà il gas solo in base alle possibilità di trasporto necessarie. Per ora il volume di metano consegnato all'Europa Occidentale non ha subito notevoli variazioni. Solo la Romania e la Polonia hanno constatato un calo di pressione del gas che transita attraverso l'Ucraina.

Juščenko, da parte sua, ha garantito alla Cancelliera tedesca Angela Merkel un trasporto senza problemi del gas russo in Europa Occidentale attraverso altri gasdotti. Nel frattempo Gazprom ha dichiarato che se l'Ucraina non accetterà la tariffa di favore proposta dalla Russia quest'ultima esigerà automaticamente il prezzo praticato sul mercato mondiale, e che per assicurare il trasporto del gas russo verso l'Europa Occidentale rafforzerà il transito attraverso la Bielorussia.


Originale: Das Gasproblem zwischen der Ukraine und Russland

Articolo originale pubblicato il 5/1/2009

H-J. Falkenhagen e Brigitte Queck sono autori associati a Tlaxcala, la rete di traduttori per la diversità linguistica, di cui Manuela Vittorelli è membro. Questo articolo è liberamente riproducibile, a condizione di rispettarne l'integrità e di menzionarne autori, traduttori, revisori e la fonte.

URL di questo articolo su Tlaxcala: http://www.tlaxcala.es/pp.asp?reference=6820&lg=it

Nessun commento: